Venerdì 5 settembre partirà anche nelle Marche l’operazione “Piazza Permanente”

 

 

Comunicato stampa

 

Venerdì 5 settembre partirà anche nelle Marche l’operazione “Piazza Permanente”, organizzata dal Sindacato Autonomo di Polizia, la maggiore associazione autonoma del comparto, per dare più sicurezza a tutti i cittadini con la riforma radicale del sistema sicurezza.

 

Con 40.000 poliziotti in meno nei prossimi anni, quasi 300 uffici a rischio chiusura e 80 Questure in via di soppressione, un terzo delle autovetture in riparazione, il cinquanta per cento delle nostre strutture non idonee o fuori legge rispetto alla 81/2008 (ex 626), continui tagli alle risorse, per il Sap non rimane altro che mobilitarsi a oltranza.

 

Il Sap è convinto che per dare maggiore sicurezza ai cittadini occorra anche garantire agli agenti di polizia una professione dignitosa, quindi bisogna partire dai servizi di ordine pubblico, in cui le Forze dell’ordine sono spesso soccombenti a causa della sparuta presenza di “manifestanti di lungo corso” impegnati solamente a distruggere beni pubblici e privati, restando di fatto impuniti perché si avvantaggiano di una legislazione poco attenta alle libertà dei cittadini che, come recita l’art. 17 della Costituzione, hanno diritto di manifestare “pacificamente e senz’armi”.

 

Magistrati in piazza, videocamere sulle divise, previsione di ulteriori ipotesi di arresto obbligatorio strumentali al giudizio per direttissima, introduzione dell'arresto differito in tutti i casi in cui vi siano esigenze di ordine pubblico, estensione del Daspo non solo alle manifestazioni sportive, protocolli operativi e regole d’ingaggio chiare, garanzie funzionali.
Sono queste, in sintesi, le proposte di riforma dell'ordine pubblico che il SAP sta esponendo da mesi in tutte le piazze d’Italia e da oggi anche nelle Marche, partendo simbolicamente da Senigallia, dove ha sede il XIV Reparto Mobile.

 

Inoltre, per garantire il regolare svolgimento dei servizi di ordine pubblico e dell’operatività, il Sap ha acquistato il primo stock di 400 spy pen, che, a partire da oggi, saranno distribuite gratuitamente ai poliziotti per videoregistrare puntualmente le criticità e scongiurare le denunce di coloro che non hanno niente da perdere, che originano processi quasi sempre terminati con l’assoluzione degli operatori.

 

La manifestazione inizierà alle 9.00 del 5 settembre, con una riunione sindacale interna al Reparto Mobile, cui parteciperanno il Segretario Generale Nazionale Sap Gianni Tonelli, il Segretario Regionale e tutti i Segretari Provinciali e i quadri sindacali delle Marche.


In seguito, alle ore 12.50, lo stesso Segretario Generale e i Segretari locali terranno una conferenza stampa per esporre in dettaglio il progetto nazionale del Sap, presso il ristorante “Al Vicoletto da Michele” di Via Spontini, 64 vicino alla Rotonda di Senigallia, cui sono stati invitati a partecipare politici locali e regionali di tutti gli schieramenti e alcuni parlamentari, progetto che prevede l’unificazione e la riduzione delle Forze di polizia, per risparmiare immediatamente fino a 3 miliardi di euro l’anno e recuperare quindi risorse per il settore sicurezza, utili anche per sboccare i contratti, fermi ormai da cinque anni, il tetto stipendiale, il riordino delle carriere e, soprattutto, la previdenza complementare.

 

Ancona, 03 settembre 2014

 

 

La Segreteria Regionale S.A.P.  Marche

SAP - Sindacato Autonomo di Polizia

Segreteria Regionale Marche

Indirizzo: Via Gervasoni 19 c/o Questura - 60129 - Ancona

Tel. e  Fax 07155241

email: marche@sap-nazionale.org

Webmaster

© Sindacato Autonomo di Polizia - Segreteria Regionale Marche

Privacy Policy Cookie Policy

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Navigando questo sito, chiudendo questo banner o cliccando su un link, acconsenti all’utilizzo dei cookies.

Se vuoi saperne di più leggi la Cookie Policy. Accettando l’informativa d’uso in base al Regolamento UE 2016/679 del 27 aprile 2016, noto come GDPR (General Data Protection Regulation), questo banner non ti verrà più mostrato.