Area Comunicati - Ascoli Piceno

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

 

Siamo i Poliziotti del S.A.P. Sindacato Autonomo di Polizia e rilanciamo con forza la storica campagna nazionale denominata "Chi difende i difensori?" per sensibilizzare l'opinione pubblica a riguardo delle questioni che interessano la Sicurezza del Paese e perché il "Sistema-Italia" non tutela come dovrebbe gli operatori di polizia.

 

 

OGGETTO: Remotizzazione Distaccamento Polizia Stradale di Fermo.-

 

 

AL QUESTORE                                                                                                    S E D E

AL DIRIGENTE COMPARTIMENTO POLIZIA STRADALE                                   A N C O N A

AL DIRIGENTE LA SEZIONE POLIZIA STRADALE                                            ASCOLI PICENO

ALLA SEGRETERIA REGIONALE SAP                                                             A N C O N A

 

In via informale questa Segreteria Provinciale ha appreso che sarebbe in via di definizione la realizzazione di un progetto che prevedrebbe l’imminente chiusura del Corpo di Guardia della Sezione Polstrada di Fermo, in considerazione della remotizzazione della stessa.

 

Questo progetto, da quanto appreso, prevedrebbe inoltre il trasferimento delle competenze di vigilanza di quella struttura a carico dell’operatore in servizio presso il Corpo di Guardia dell’adiacente Commissariato, attraverso un sistema di video sorveglianza remota.

 

Nell’ipotesi che tale informazione sia da considerarsi veritiera, questa Segreteria Provinciale non può che esprimere, con la presente, la propria contrarietà in merito al progetto.

 

Non nutriamo certamente dubbio alcuno che il Sig. Dirigente della Sezione Polstrada di Ascoli Piceno abbia, con la doverosa attenzione che una decisione così delicata richiede, valutato lo stretto rispetto alle vigenti Leggi e regolamenti che disciplinano la vigilanza delle caserme e strutture che ospitano armerie e/o armamento di reparto, né che siano state richiesti gli opportuni pareri al Superiore Ministero.

 

Ciò che però ci appare altrettanto certo, e condivisibile dalle SS.LL., è che:

 

1)   l’operatore al Corpo di Guardia del Commissariato di Fermo non possa, in alcun caso, essere considerato anche facente funzioni di operatore di Corpo di Guardia della Polizia Stradale poiché, a tutti gli effetti, egli non ha una visibilità diretta di quella struttura né accesso, senza che acciò comporti la violazione delle proprie consegne e l’abbandono del posto di servizio;

 

2)  non sia pensabile ritenere che l’operatore al Corpo di Guardia del Commissariato di Fermo, già peraltro impegnato a vigilare la propria struttura nonché a ricevere il pubblico ed i soggetti sottoposti all’obbligo di firma, rispondere alle chiamate sia al centralino che sulla linea di emergenza 113 ecc. ecc., possa in aggiunta, ed efficacemente, effettuare la sorveglianza dei locali ospitati dalla Polizia Stradale di Fermo ciò a detrimento della sicurezza di entrambi gli obiettivi.

 

3) la responsabilità e le conseguenze di tale soluzione non debbono comportare inique e/o inadeguate responsabilità in capo all’operatore del Corpo di Guardia del Commissariato di Fermo.-

 

Per quanto possa dunque considerarsi lodevole il fine di una migliore gestione delle risorse umane della Polstrada di Fermo, questa Segreteria per le motivazioni addotte chiede alle SS.LL. di valutare attentamente l’opportunità di proseguire nel progetto e che, ove ciò non avvenga, al Sig. Questore di Ascoli Piceno di non renderlo esecutivo sino a quando non siano, dapprima, state redatte chiare ed inequivocabili nuove consegne per l’operatore del Corpo di Guardia del Commissariato P.S. di Fermo che questa O.S. chiede di visionare previa l’adozione.-
Si coglie l’occasione per porgere distinti saluti.-

 

 

Ascoli Piceno 28 novembre 2014

 

 

LA SEGRETERIA PROVINCIALE

 

 

Ascoli Piceno, 22 novembre 2014

 

 

Oggetto: Trasmissione comunicato sindacale per presunte disfunzioni

                 mensa.


- Richiesta dati sul servizio vitto.

 

 


                         AL SIGNOR QUESTORE                               S E D E

 


^^^^^

       Il Sap, in data 04 novembre 2014, ha divulgato l'allegato comunicato sindacale, inerente un disservizio della mensa della Questura.

 

        In particolare, è stato fornito al personale della Questura e a un contingente del Reparto Mobile di Senigallia del pane scaduto, disfunzione che si aggiunge alle altre segnalate in precedenza.

 

         In data 20 novembre, il Sig. Capo di Gabinetto ha comunicato per le vie brevi, al Segretario Provinciale Sap di Ascoli Piceno, che “è tutto a posto”, tanto che ha precisato di aver contattato anche il Vice Dirigente del XIV Reparto Mobile di Senigallia.

 

      Rammaricati per non aver avuto lo stesso trattamento del Vice Dirigente del Reparto Mobile, segno evidente che l'Amministrazione non intende dialogare con il sindacato, si chiedono i seguenti documenti, ai sensi della Legge 241/90, in qualità di associazione sindacale portatrice di interessi diffusi:

 

1) copia della relazione di accertamento della qualità del pane, a seguito della segnalazione Sap del 04 novembre 2014 e di eventuali segnalazioni/relazioni del personale;

 

2) copia delle relazioni relative ai controlli effettuati, nel 2013 e nel 2014, dal locale Ufficio Sanitario, in merito alla qualità dei cibi, alla loro conservazione e alla manipolazione;

 

3) copia delle relazioni inerenti le verifiche periodiche degli anni 2013 e 2014, inerenti la qualità dei cibi e la loro varietà, così come prescritto dal contratto di somministrazione stipulato fra il Dipartimento della P.S. e la ditta che eroga il servizio mensa.

 

La richiesta è motivata dalla necessità di verificare l'opportunità di effettuare un'azione legale.

 

In attesa di un sollecito riscontro, si porgono distinti saluti.

 

 

Le Segreterie Provinciali S.A.P. Ancona - Ascoli Piceno

       

 

 

Prot. nr. Com. 09/2014 S.A.P.                                                Terni, 17 novembre 2014

 

 

 

OGGETTO: Generi di conforto per il personale addetto ai servizi di O.P.

                - Circolare ministeriale 750.C.1.AG404.2.2/1955.

 

 

AL SIGNOR QUESTORE                                                                      S E D E

 

 

Il S.A.P., a seguito alle numerose segnalazioni giunte dal personale dei Reparti Mobili, come quello di Senigallia, e di tutti i colleghi impiegati nei servizi di O.P. provenienti da altre province per la nota vicenda TK, rappresenta alla S.V. che i generi di conforto erogati dalla Questura al personale avente diritto non appaiono congrui a quanto stabilito dalla circolare ministeriale indicata in oggetto.

 

In particolare, è stato segnalato che i predetti generi di conforto consistono in una bottiglietta d’acqua da mezzo litro e una confezione di cracker o in alternativa una merendina, mentre la succitata circolare stabilisce che si “… prevede l’erogazione di generi di conforto, per un valore giornaliero pro capite di euro 1.02 …”

 

Si chiede, pertanto, che la S.V. effettui una verifica sui predetti generi di conforto, al fine di acquistare e provvedere all’erogazione di alimenti che garantiscano quel “conforto” attualmente negato, a tutela di tutti i colleghi che lavorano per strada.

 

In attesa di un urgente riscontro, si porgono distinti saluti.

 

 

 

LE SEGRETERIE PROVINCIALI S.A.P.

TERNI – ASCOLI PICENO - ANCONA

SAP - Sindacato Autonomo di Polizia

Segreteria Regionale Marche

Indirizzo: Via Gervasoni 19 c/o Questura - 60129 - Ancona

Tel. e  Fax 07155241

email: marche@sap-nazionale.org

Webmaster

© Sindacato Autonomo di Polizia - Segreteria Regionale Marche

Privacy Policy Cookie Policy

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Navigando questo sito, chiudendo questo banner o cliccando su un link, acconsenti all’utilizzo dei cookies.

Se vuoi saperne di più leggi la Cookie Policy. Accettando l’informativa d’uso in base al Regolamento UE 2016/679 del 27 aprile 2016, noto come GDPR (General Data Protection Regulation), questo banner non ti verrà più mostrato.