Il SAP chiede incontro per rappresentare il grave stato di disagio dei colleghi.

 

 

 

P O L F E R

Il SAP chiede incontro per rappresentare il grave stato di disagio dei colleghi

 

 

Il SAP rappresenterà al Dirigente le problematiche emerse nei giorni scorsi nell’ambito della riunione sindacale cui hanno partecipato parecchi colleghi, anche non iscritti.

 

E’ indubbio lo stato di malessere del personale, che l’amministrazione deve tenere in considerazione nel corso della propria attività organizzativa.

 

Malessere, intollerabile, causato anche dal doppio regime di fatto instaurato alla Polfer, tale per cui alcuni possono permettersi tutto, mentre altri devono “contrattare” i loro diritti, come le ferie, i permessi ecc.

 

Per il SAP è giunta l’ora che qualcuno si svegli e faccia il proprio dovere, fino in fondo!

 

Terremo informati tutti i colleghi sugli sviluppi della situazione (chi vuole, può attivare l’utile servizio informativo via sms, inviando il proprio numero telefonico e nome all’utenza 392 6671535).

 

Il SAP, come tutti hanno potuto constatare in passato, ha fatto e farà la propria parte per cercare di far lavorare serenamente i colleghi, a differenza di altri che chiedono fiducia senza, prima, dimostrare nulla.

 

Il SAP, il sindacato differente!

 

Ancona, 10 maggio 2012

 

Il Segretario Provinciale

Filippo Moschella

SAP - Sindacato Autonomo di Polizia

Segreteria Regionale Marche

Indirizzo: Via Gervasoni 19 c/o Questura - 60129 - Ancona

Tel. e  Fax 07155241

email: marche@sap-nazionale.org

Webmaster

© Sindacato Autonomo di Polizia - Segreteria Regionale Marche

Privacy Policy Cookie Policy

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Navigando questo sito, chiudendo questo banner o cliccando su un link, acconsenti all’utilizzo dei cookies.

Se vuoi saperne di più leggi la Cookie Policy. Accettando l’informativa d’uso in base al Regolamento UE 2016/679 del 27 aprile 2016, noto come GDPR (General Data Protection Regulation), questo banner non ti verrà più mostrato.