Comunicati

 

Oggetto: Ancona - Servizio di O.P. del 09 luglio 2009 - Richiesta chiarimenti.


AL SIGNOR QUESTORE                                                                  SEDE

AL SIGNOR DIRIGENTE L’UFFICIO POLIZIA DI FRONTIERA          SEDE

 

ALLA SEGRETERIA GENERALE SAP                                               ROMA

^^^

Nel pomeriggio di ieri si è tenuto il servizio di O.P. per il corteo organizzato dalle Comunità Resistenti delle Marche. L’attività presso il Porto di Ancona è iniziata intorno alle ore 13.00, ora in cui diversi contingenti dei Reparti Mobili e di aggregati presso l’Ufficio Polizia di Frontiera sono stati schierati, sotto al sole, all’ingresso del porto.

 

Per ragioni di sicurezza tutti gli esercizi pubblici erano chiusi.

 

Si è appreso che alle ore 18.45, cioè dopo 5 ore e 45 dall’inizio del servizio di O.P., due agenti -già aggregati presso l’Ufficio Polizia di Frontiera-coordinati dai Funzionari della Questura, dopo aver chiesto l’autorizzazione ai diretti superiori, hanno abbandonato il proprio contingente e si sono recati all’Ufficio di Polizia di Frontiera, poco distante, per impellenti bisogni fisiologici.

 

Il personale in servizio presso il citato Ufficio, via citofono, ha informato i due agenti che nessuno poteva entrare per ragioni di sicurezza, conformemente agli ordini ricevuti.


I due aggregati, dopo aver esposto le loro urgenti necessità fisiologiche, senza ottenere alcun risultato, sono stati costretti a rivolgersi al Funzionario responsabile del contingente, che, dopo quasi mezz’ora, al posto di far accedere i due colleghi nell’Ufficio di Polizia di Frontiera, ha reperito le chiavi di un altro ufficio di polizia.


Si rappresenta che al momento del fatto non vi era alcuna criticità in atto, né sono stati notati passaggi di manifestanti e/o facinorosi.

 

Per quanto esposto, si richiedono chiarimenti in merito alla vicenda, al fine di informare compiutamente l’Ufficio per le Relazioni Sindacali del Ministero dell’Interno.


Si fa notare, altresì, che presso l’Ufficio Polizia di Frontiera risultano aggregati, da settimane, 41 poliziotti, con trattamento di O.P. fuori sede; mentre al personale della Polmare e Polaria, addetto alle frontiere, viene corrisposto il trattamento di O.P. in sede: tutto il citato personale, fino ad oggi, non ha mai ricevuto i Generi di conforto giornalieri, che la Questura deve consegnare secondo la vigente normativa. Per quanto esposto, si prega la S.V. di provvedere immediatamente alla distribuzione obbligatoria dei citati Generi di conforto a tutti i colleghi interessati.


In attesa di un cortese sollecito riscontro, si porgono distinti saluti.

 

IL SEGRETARIO PROVINCIALE

 

Filippo Moschella

 

Oggetto: Corresponsione indennità di O.P. al personale in

servizio presso l’Ufficio di Polizia di Frontiera.

 

 

AL SIGNOR DIRIGENTE L’UFFICIO POLIZIA DI FRONTIERA

SEDE

 

 

^^^

Si è appreso che al personale in servizio presso la Frontiera Marittima di Ancona e Aerea di Falconara non sarebbe  corrisposta l’indennità di O.P., per i servizi di controllo straordinario delle frontiere in occasione del G8.

 

Al riguardo, è noto che al personale aggregato - impiegato unitamente ai colleghi in servizio all’Ufficio Polfrontiera -, viene corrisposta l’indennità in parola; inoltre, il controllo dei viaggiatori e delle autovetture è straordinario, dato che sono state riattivate le frontiere con i paesi dell’area Schengen, come ad esempio la Grecia, normalmente esenti da controlli totali.

 

Per quanto esposto, si prega di corrispondere l’indennità di O.P. a tutto il personale in servizio presso la Frontiera Marittima di Ancona ed Aerea presso l’Aeroporto di Falconara M.ma, al fine di evitare contenziosi innanzi al giudice amministrativo.

 

In attesa di un cortese ed urgente riscontro si porgono distinti saluti.

 

 

IL SEGRETARIO PROVINCIALE

Filippo Moschella

 

INCONTRO CON IL DIRIGENTE DEL XIV REPARTO MOBILE ESITO:

 

Il giorno 4 giugno 2009, una delegazione del SAP       ha avuto un incontro con il Dirigente del XIV Reparto Mobile di Senigallia trattando i seguenti argomenti:

1- O.P. fuori sede, in occasione di prolungamenti e/o riduzioni dei periodi previsti di O.P., il personale che debba rientrare o posticipare il rientro in sede sia “SEMPRE” sentito dal Capo squadra o Capo contingente se presente per eventuali richieste di volontarietà nel permanere e/o nel rappresentare esigenze per l’eventuale rientro in sede, il Dirigente approvava tale richiesta e dava disposizioni.

2- MENSA,  riguardo la mensa il Dirigente ci informava che intende ampliare l’orario di apertura e di chiusura per meglio rendere il servizio ai vari contingenti che fanno rientro in sede o in partenza.

3- BAR, è in fase di valutazione il rinnovo dell’appalto del Bar, è essenziale per il SAP che tale servizio permanga e anzi possa migliorare.

4- AGGIORNAMENTO/ADDESTRAMENTO, è stata avanzata l’ipotesi di effettuare addestramento di O.P. unitamente a personale della Questura di Ancona, il Dirigente approvava, riservandosi di ricevere comunicazione dal Sig. Questore.

Sempre in tale ambito ribadivamo che TUTTO il personale del Reparto debba partecipare all’addestramento, considerato che TUTTI vengono impiegati nei servizi di O.P..

5- NUOVA TUTA O.P., il Dirigente ci informava che attualmente ha dato disposizioni affinché tutto il personale del Reparto abbia una tuta di O.P., in seguito disporrà la seconda tenendo presente l’effettivo impiego nei servizi G8 ecc..

 

 

LA SEGRETERIA PROVINCIALE

 

IL QUESTORE OSTAGGIO DEGLI STRANIERI

Occorre eliminare l’arretrato dell’immigrazione:

altri 6 colleghi assegnati temporaneamente a tale incarico.

 

 

Ormai i fascicoli degli stranieri sono sparsi per tutta la Questura: dalla Segreteria del Questore, alla Squadra Informativa del Gabinetto e all’U.P.G.A.I.P., per cercare di recuperare l’arretrato accumulato negli anni.

 

L’imperativo ministeriale, raccolto alla lettera dall’amministrazione, è di eliminare ogni ritardo; quindi sono stati aggregati altri 6 agenti ed operatori tecnici, senza alcun provvedimento scritto, per il rilascio dei permessi si soggiorno stagionali ed i ricongiungimenti, distogliendoli dagli altri servizi istituzionali, con contestuale creazione di ritardi in altri settori.

 

Se esiste una necessità, è chiaro che i poliziotti sono sempre disponibili a qualsiasi sacrificio temporaneo, ma non vorremmo che si trattasse del solito lifting per apparire più efficienti agli occhi del Dipartimento, senza l’adozione di alcuna soluzione definitiva.

 

In altre parole, se dopo l’eliminazione dei ritardi non seguirà una seria valutazione sulle procedure amministrative, la produttività ed i carichi di lavoro, ogni sacrificio sarà stato vano.

 

L’amministrazione è obbligata a stabilire se i 26 dipendenti dell’Immigrazione, di cui 15 poliziotti, sono congrui alla mole di lavoro esistente, per poter adottare le modifiche ritenute opportune, assegnando, se necessario, altro personale.

 

Ancona, 26 maggio 2009

 

 

IL SEGRETARIO PROVINCIALE

Filippo Moschella

 

Oggetto: Problematiche di settore.

Al Signor Dirigente

il Compartimento Polizia Ferroviaria

A N C O N A

 

Come indicato verbalmente nella riunione espletata nei mesi scorsi,  fra la S.V. ed una delegazione di questa O.S., si segnalano alcune problematiche inerenti il lavoro espletato dai dipendenti di codesto Compartimento Polfer. In particolare:

 

- SETTORE OPERATIVO: in ordine alla attività operativa, atteso che il personale accompagna alla Polizia Scientifica della Questura persone in precarie condizione igienico-sanitarie, per l’identificazione, si chiede che l’Amministrazione adibisca un veicolo ad uso esclusivo del citato servizio, che dovrà essere periodicamente disinfettato con l’apparecchiatura in dotazione all’Ufficio Sanitario della Questura.

 

- per i medesimo motivi, si segnala la difficoltà di gestire le persone sottoposte a controllo che devono espletare bisogni fisiologici. In tal caso, gli operatori sono costretti a scortare gli interessati fino ai bagni a pagamento della stazione.

 

- Si prega la S.V. di valutare la possibilità, per maggiore autotutela degli operatori,  di istallare un altoparlante con microfono nell’atrio di accesso all’ufficio ed una porta munita di maniglione antipanico per garantire una seconda uscita di emergenza; nonché di continuare a prevedere la presenza di almeno tre operatori per turno.

 

 

- SALA OPERATIVA COMPARTIMENTALE: si prega la S.V. di valutare l’opportunità  di prevedere la presenza obbligatoria di almeno due operatori nei turni mattutini, al fine di adeguare il numero degli agenti al carico di lavoro.

 

 

- SCORTE TRENI A LUNGA PERCORRENZA: per l’autotutela del personale, si chiede di assegnare TRE operatori per ogni scorta.

 

 

- SCORTA TECNICA TIFOSI PER SERVIZI DI ORDINE PUBBLICO A BORDO TRENO: benché la relativa circolare ministeriale lasci alla S.V. la discrezionalità di determinare il numero congruo di operatori, si chiede di assegnare almeno TRE operatori per ogni servizio.

 

LA SEGRETERIA PROVINCIALE SAP

 

 

 

        OGGETTO: Digos – Corresponsione indennità di O.P.

 

 

^^^

     Si è avuta notizia che il personale della DIGOS viene impiegato anche in servizi relativi a manifestazioni pubbliche, per l’attività informativa e di riservata osservazione.

 

In più occasioni il personale, come richiesto dalle ordinanze, deve mantenere un costante contatto con gli organizzatori delle manifestazioni, acquisendo ogni utile notizia per fini preventivi ed allo scopo di adeguare il dispositivo di vigilanza alle eventuali variazioni.

 

Per quanto esposto, si ritiene che il personale della DIGOS sia parte integrante del dispositivo di controllo dell’Ordine Pubblico, per cui si richiede la corresponsione della relativa indennità, qualora ricorrano i presupposti temporali.

 

In attesa di un cortese riscontro, si porgono distinti saluti.

 

 

 

Il Segretario Provinciale

Filippo Moschella

 

TRASFERIMENTI TURNISTI IN QUINTA

E PROBLEMI ANTICRIMINE

Il SAP incontra il Questore. Ottenute risposte poco convincenti.


Si è svolto venerdì scorso l’incontro fra il SAP ed il Questore, a seguito degli ultimi trasferimenti e aggregazioni, attuati senza tenere in considerazione i turnisti in quinta.

 

Il Questore ha manifestato tutta la sua vicinanza al lavoro dei turnisti, riconoscendo i disagi cui sono sottoposti.

 

Il SAP ha ribadito che la vicinanza non è stata assolutamente dimostrata dai fatti, dato che nessun turnista è stato trasferito, nonostante qualcuno sta espletando turni continuativi da oltre 15 anni.

 

Inoltre, è stato inviato un segnale fortemente negativo al personale, generando un ulteriore scollamento fra l’attività dell’amministrazione ed i dipendenti.

 

L’incontro è servito anche per segnalare le problematiche della Divisione Anticrimine, in relazione alla mancata nomina di un Ufficiale di P.G. per il settore minori ed al carico di lavoro.

 

Al riguardo il SAP è stato chiaro: l’organico attuale serve per l’ordinario. Se il Questore vuole ampliare le verifiche ed i controlli fuori ufficio deve fornire uomini e mezzi.

 

Adesso il SAP attende risposte chiare!!!

 

 

 

Ancona, 16 febbraio 2009                 La Segretaria Provinciale SAP

Oggetto: Installazione impianto climatizzazione.

               - Squadra Mobile e Divisione Anticrimine.

 

                   AL SIGNOR QUESTORE                                                   S E D E

^^^^

Da alcuni giorni sono iniziati i lavori per l’installazione dell’impianto di climatizzazione negli uffici della Questura di Ancona   .

Si è appreso che il settore Affari Generali della Squadra Mobile, corrispondente alle stanze dalla nr. 128 alla nr. 131, sarà escluso dai  lavori.

In corrispondenza dei citato settore: al piano superiore, alla DIGOS, è stato già installato il nuovo impianto; mentre al piano inferiore, all’Anticrimine, non sarebbe ancora certa l’installazione.

L’evidente sperequazione creata da codesta amministrazione porterà inevitabilmente all’attivazione di contenziosi amministrativi - unita alla richiesta di spostamento del personale ed utenze telefoniche in locali climatizzati -, qualora la S.V. non provvederà a far inserire gli uffici mancanti nell’elenco dei locali da climatizzare.

In attesa di un cortese sollecito riscontro, si porgono distinti saluti.

11 Luglio 2009

LA SEGRETERIA PROVINCIALE SAP

SAP - Sindacato Autonomo di Polizia

Segreteria Regionale Marche

Indirizzo: Via Gervasoni 19 c/o Questura - 60129 - Ancona

Tel. e  Fax 07155241

email: marche@sap-nazionale.org

Webmaster

© Sindacato Autonomo di Polizia - Segreteria Regionale Marche

Privacy Policy Cookie Policy

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Navigando questo sito, chiudendo questo banner o cliccando su un link, acconsenti all’utilizzo dei cookies.

Se vuoi saperne di più leggi la Cookie Policy. Accettando l’informativa d’uso in base al Regolamento UE 2016/679 del 27 aprile 2016, noto come GDPR (General Data Protection Regulation), questo banner non ti verrà più mostrato.