Commissariato P.S. Senigallia

 

Ancona, 06 agosto 2015

 

 

 

Oggetto: Commissariato P.S. Senigallia. Ordinanze interne di trasferimento.

- Illegittimità.

 

 

            AL SIGNOR QUESTORE                                                                                   S E D E

 

^^^^

Il Sap, nei giorni scorsi, ha chiesto al Sig. Dirigente del Commissariato P.S. di Senigallia di rispettare le qualifiche del personale, perché dagli ordini di servizio si è rilevato che un collega con qualifica superiore era, da mesi, funzionalmente subordinato a un graduato di qualifica inferiore.

 

Il Dirigente ha accolto subito la segnalazione del Sap, emettendo due ordinanze interne di servizio, cat. E.2/15, ambedue datate 31 luglio 2015.

 

Con la prima ordinanza, un Sostituto Commissario diventa Responsabile del 2° Settore – IGOS, andando a gestire l’attività dell’unico addetto, un Ispettore Superiore.

 

Con la seconda ordinanza viene finalmente assegnato un Ispettore Superiore all’Ufficio Controllo del Territorio - UCT, “in qualità di Coordinatore e Responsabile, nel cui ambito curerà, inoltre, in maniera continuativa il coordinamento delle attività di indagine con il Settore Anticrimine” .

 

Al riguardo, si rileva che:

 

  1. le due ordinanze di trasferimento sono prive di motivazioni, come imposto dalle vigenti circolari ministeriali che regolano la materia;

 

  1. non risulta l’esistenza della figura del “Coordinatore” nei Commissariati;

 

  1. la circolare ministeriale nr.225/B/2010/91482/U del 23 dicembre 2010, istitutiva degli UCT nei Commissariati di P.S., contiene due allegati. Uno dei due è composto da schede redatte dalla Direzione Centrale Anticrimine – Servizio Controllo del Territorio, in cui, nelle pagg. 7 e 8, è stabilito chiaramente che “l'idea innovatrice è quella di creare un ufficio al quale il personale sia assegnato in via continuativa...” e che “il personale assegnato all'U.C.T. deve essere impiegato in via esclusiva”.

Anche nella nota della Questura di Ancona Cat. A4/2011, datata 10 febbraio 2011, avente per oggetto “Attività di controllo del territorio - Progetto UCT”, il Questore dispone, conformemente alla circolare ministeriale, che “all'U.C.T. dovrà essere assegnato personale qualificato in via continuativa...” e che “l'organico dell'U.C.T. dovrà essere definito in proporzione alle risorse del Commissariato e assegnato in via esclusiva”.

 

Alla luce di quanto esposto, le due ordinanze interne di servizio sono illegittime, sia per assenza di motivazione, sia per l’attribuzione di qualifiche non risultanti, sia per il contrasto con l’esclusività dell’incarico del personale assegnato all’UCT, quindi si chiede il loro annullamento e l’emissione di nuove ordinanze conformi alle vigenti disposizioni ministeriali, che dovranno essere trasmesse a questo sindacato, così come previsto dalla normativa vigente.

 

In attesa di un sollecito riscontro, si porgono distinti saluti.

 

 

 

Il Segretario Provinciale

Filippo Moschella

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

 

Senigallia: soppressione dell’apertura pomeridiana dello sportello per gli stranieri.

 

La Questura accoglie le osservazioni del Sap e garantisce la riapertura del giovedì pomeriggio, per evitare disagi a stranieri e poliziotti.

 

Il giovedì pomeriggio sarà riaperto lo sportello per la consegna dei permessi di soggiorno agli stranieri, allo scopo di evitare lungaggini e disagi il venerdì mattina, giornata in cui, da diverse settimane, erano state concentrate le attività di consegna dei titoli e ricezione delle pratiche delle richieste di rilascio.

 

Questo è il risultato della solitaria attività del Sindacato Autonomo di Polizia, intervenuto sin da sabato scorso per i disservizi creati dal raggruppamento d’attività il venerdì, che ha determinato gravi disagi sia fra gli extracomunitari, costretti a interminabili file d’attesa e a lunghe assenze dal lavoro, sia fra i poliziotti, indotti a velocizzare le operazioni di riscontro della documentazione, a scapito della precisione e della necessaria valutazione dei requisiti. Tanto che venerdì scorso una poliziotta addetta allo sportello ha accusato un malore, valutato dai sanitari del Pronto Soccorso.

 

Il Sap ha immediatamente minacciato una manifestazione pubblica davanti al Commissariato e ieri pomeriggio ha incontrato il Vicario del Questore, Enrico De Simone, che ha fatto proprie le osservazioni sindacali, tanto che in data odierna il dirigente temporaneo del Commissariato, Dott.ssa Margherita Furcolo, ha disposto l’apertura pomeridiana dello sportello stranieri ogni giovedì, dalle 14.30 alle 17.30, già introdotta in tempo reale nel sito internet della Questura.

 

Il Segretario Provinciale Sap, Filippo Moschella, ha dichiarato di essere soddisfatto per la sensibilità mostrata dal Vicario De Simone e dalla Dott.ssa Furcolo, utile a garantire il migliore servizio agli stranieri e normali condizioni di lavoro per i poliziotti.

 

Detta innovazione segue l’aggregazione di personale inviato della Questura, giunta alla seconda settimana, in luogo di quello inviato da altri uffici e rientrante nel piano nazionale delle aggregazioni estive, come in passato, che serve per potenziare e ottimizzare i servizi e gli standard di controllo del territorio.

 

Adesso l’opera del Sap, in attesa del prossimo ricambio di agenti disposto dal Ministero dell’Interno, previsto per fine settembre, s’indirizzerà, come sempre, verso il miglioramento delle condizioni di lavoro di tutti i poliziotti.

 

Ancona, 13 agosto 2014

 

 

Il Segretario Provinciale Sap 

Filippo Moschella

 

 

LA RASSEGNA STAMPA

 

Il Resto del Carlino

 

Senigallia Notizie

 

 

 

Ancona, 09 agosto 2014

 

Oggetto:  Modifica orari apertura dello sportello aperto al pubblico.

                 - Commissariato P.S. di Senigallia.

 

 

              AL SIGNOR QUESTORE                                                                        S E D E

 

 

^^^^

       Nelle ultime settimane, nel Commissariato P.S. di Senigallia, sono stati modificati i giorni e gli orari d’apertura dello sportello aperto al pubblico deputato all’espletamento delle pratiche relative agli stranieri, ai passaporti, alle licenze di caccia ecc.

 

In particolare, è stata eliminata l’apertura del sabato e dei pomeriggi di lunedì e giovedì. In altre parole, lo sportello rimane chiuso ogni pomeriggio e il sabato, quando è maggiore la libertà dei cittadini e degli stranieri fruitori.

 

L’apertura di giovedì era dedicata esclusivamente alla consegna dei permessi, mentre quella del venerdì mattina era riservata solo al rinnovo dei permessi di soggiorno e alle richieste di primo rilascio.

 

Quindi, contrariamente a quanto avviene in Questura e negli altri Commissariati Distaccati di P.S., a Senigallia sono state accorpate le citate aperture nella mattinata di venerdì, senza tenere in considerazione che, per i rinnovi/rilasci dei permessi di soggiorno, le Poste Italiane assegnano orari precisi ai singoli richiedenti con una cadenza di 20 minuti, trasmessi via sms; mentre per le consegne dei permessi il sistema automatico del Ministero dell’Interno assegna orari a gruppi di persone (ad es. 10 stranieri alle ore 11, 10 alle ore 12 ecc.), per cui si determina una fila “oraria”, che si può accavallare a quella dell’ora precedente o successiva.

 

Il diverso sistema di scaglionamento degli arrivi degli immigrati rende incompatibili le due attività nella medesima giornata d’apertura, tanto che ieri, come nei venerdì precedenti, presso il Commissariato di Senigallia si sono determinate file interminabili di stranieri, anche di 40 persone con donne e bambini in tenera età. Due stranieri si sarebbero bisticciati e percossi per motivi legati ai diversi orari di convocazione.

 

Inoltre, le due attività, come noto e riscontrabile dagli atti d’ufficio, difficilmente possono esaurirsi nell’arco dell’ordinario orario di servizio 8/14, anche se il collega addetto allo sportello si sottopone a regimi lavorativi senza interruzioni.

 

Pure ieri, venerdì 8 agosto 2014, sembra che diversi immigrati convocati non abbiano potuto effettuare le pratiche personali, quindi, intorno alle ore 14.00, si sarebbero lamentati con il Dirigente, il quale avrebbe ordinato alla collega addetta allo sportello di espletare attività lavorativa in regime di straordinario emergente per evadere le richieste, nonostante la stessa, dichiarando più volte di accusare un malore per l’estenuante mattinata, avrebbe chiesto espressamente e in più occasioni l’intervento di un’ambulanza per essere visitata da un medico.

 

Il Dirigente avrebbe reiterato l’ordine, acconsentendo, infine, all’allontanamento isolato della dipendente, senza richiedere l’intervento dell’ambulanza.

 

La dipendente, costretta dagli eventi, si sarebbe recata da sola al Pronto Soccorso del locale nosocomio, dove sarebbe stata ricoverata d’urgenza, sottoposta a cure mediche e trattenuta fino a tarda sera, quando sarebbe stata dimessa con una prognosi di 5 gg. s.c.

 

Per quanto esposto, si chiede di verificare se ieri degli stranieri si sono percossi all’interno del Commissariato P.S. di Senigallia, nonché per quale motivo non è intervenuta l’ambulanza in presenza di una dipendente che ha contratto un malore durante il servizio e in un ufficio di Polizia.

 

Infine, non sembrando sostenibile l’innovazione introdotta, si chiede di modificare immediatamente gli orari d’apertura dell’ufficio aperto al pubblico, armonizzandoli con quelli della Questura e degli altri Commissariati.

 

In caso contrario, poiché venerdì 15 agosto 2014 lo sportello rimarrà chiuso, venerdì 22 agosto 2014 il Sap Ancona terrà una riunione in luogo pubblico innanzi al Commissariato di P.S. di Senigallia, dalle ore 08.00 alle 12.00, coinvolgendo le organizzazioni di rappresentanza degli stranieri e gli organi di stampa.

 

In attesa di un sollecito riscontro, si porgono distinti saluti.

 

 

Il Segretario Provinciale

Filippo Moschella


 

 

COMMISSARIATI P.S. ACCOLTA RICHIESTA S.A.P. PARTE LA SETTIMANA CORTA

 


La settimana corta diventa una realtà anche nei Commissariati distaccati.


La solitaria lotta del SAP in sede di verifica semestrale (i verbali sono disponibili in segreteria) è finita positivamente.


Con una specifica informazione preventiva del Questore, cinque dipendenti di Fabriano e uno di Osimo hanno iniziato a espletare il nuovo orario, a seguito della loro richiesta specifica, da lunedì 2 aprile 2012.


Per le richieste dei colleghi in servizio nei Commissariati di Jesi e Senigallia sono in atto le procedure per la concessione del beneficio.


Anche se non sono state accolte tutte le richieste del personale, così come auspicato dal SAP, il risultato, per nulla scontato, è di grande valenza per la dignità dei colleghi: è stato riaffermato il principio secondo cui il personale dei Commissariati e della Questura riceve lo stesso trattamento!


Il SAP, il sindacato differente.


Ancona, 19 aprile 2012


Il Segretario Provinciale

Filippo Moschella

 

Ancona, 28 novembre 2011

 

 

Oggetto: Commissariato di P.S. Senigallia.

- Disposizione di servizio illegittima.

     

AL MINISTERO DELL’INTERNO                                      R O M A             

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA

UFFICIO PER LE RELAZIONI SINDACALI

(TRAMITE LA SEGRETERIA GENERALE SAP)

 

^^^^

        Con la nota di pari oggetto, datata 14 novembre 2011, il SAP ha segnalato al Sig. Questore di Ancona che, con la disposizione s.n. del 19 ottobre 2011, indirizzata al personale dell’UCT e avente per oggetto “Disposizioni di servizio”, al Commissariato P.S. di Senigallia è stata regolamentata l’assenza del personale addetto ai turni continuativi.

In particolare, con la direttiva “si dispone che, entro il giorno 3 di ogni mese, coloro che fossero intenzionati a fruire di un periodo di congedo superiore a tre giorni nel corso del mese stesso, lo comunichino al responsabile dell’Ufficio servizi, il quale verificherà la possibilità di coordinare le istanze presentate.”

Il SAP ritiene che la disposizione sia illegittima, perché impone un peso nel rapporto di lavoro solamente a tutti gli agenti addetti ai turni continuativi, mediante l’obbligo di presentare, entro il terzo giorno di ogni mese, le richieste di congedo ordinario da fruire nel corso del mese stesso.

Infatti, la normativa prevede che le richieste di congedo ordinario possano essere presentate in qualsiasi giorno del mese, tranne, ovviamente, i periodi particolari come Natale, Capodanno, Pasqua e mesi estivi, in cui si effettua la programmazione delle assenze.

Il Sig. Questore di Ancona, con la risposta del 18 novembre 2011, ha comunicato che “si ritiene che la stessa (disposizione n.d.r.) sia stata emanata unicamente al fine di razionalizzare e ottimizzare il servizio di volante, coordinandolo con le esigenze dei singoli operatori. Per quanto sopra non si ravvisa alcuna illegittimità delle direttive impartite”.

Alla luce di quanto esposto, si prega codesto Ufficio per le relazioni Sindacali di intervenire immediatamente per far annullare o riformulare la disposizione sopra citata.

In attesa di un sollecito riscontro, si porgono distinti saluti.

Il Segretario Provinciale

Filippo Moschella

 

COMMISSARIATO DI SENIGALLIA

Una piccola battaglia per la dignità di tutti i colleghi vinta dal SAP

e il giocherellone disinformato.

 

Il periodo natalizio si avvicina e, nonostante il magro contratto di lavoro e le croniche carenze di personale, i colleghi del Commissariato di Senigallia stanno presentando le domande di congedo ordinario.

Ci è stato segnalato che i periodi fruibili indicati dall’amministrazione dai canonici due erano “lievitati” a tre: Natale, Capodanno ed Epifania.

 

Abbiamo ritenuto offensivo porre il Santo Natale e il Capodanno sullo stesso piano dell’Epifania, festività poco considerata dagli italiani, perciò lunedì abbiamo segnalato la questione ai vertici della Questura di Ancona e ieri abbiamo appreso che i periodi proposti dall’amministrazione saranno giustamente due: Natale e Capodanno.

 

Accanto a questa piccola conquista per preservare la dignità di tutti i colleghi, qualche giocherellone ha diffuso la notizia di modifiche agli orari di servizio per il personale addetto ai turni non continuativi, il quale dovrebbe essere impiegato saltuariamente nei turni continuativi.

Siamo dispiaciuti che il giocherellone ignori o, peggio, non tenga in considerazione l’art.9 comma 6 dell’ANQ, il quale prevede che il personale addetto ai turni non continuativi può essere impiegato nei turni continuativi solo “per particolari ed improrogabili esigenze di servizio”.

Qualora l’impiego sarà attuato, ci dovranno spiegare quali sono le particolari ed improrogabili esigenze di servizio dei turni continuativi del Commissariato di Senigallia, che contano, oggi, il maggior numero di addetti (20 unità) di qualsiasi altro Commissariato.

Presenteremo oggi stesso una formale protesta al Sig. Questore di Ancona, perché intendiamo contrastare, con tutte le nostre forze e in sede legale, chi, in qualsiasi ufficio della provincia, fa leva sui timori dei colleghi per ottenere i propri obiettivi, cercando, nel contempo, di scaricare le responsabilità sui sindacati.

 

Ancona, 17 novembre 2010

 

Il Segretario Provinciale SAP

Filippo Moschella

SAP - Sindacato Autonomo di Polizia

Segreteria Regionale Marche

Indirizzo: Via Gervasoni 19 c/o Questura - 60129 - Ancona

Tel. e  Fax 07155241

email: marche@sap-nazionale.org

Webmaster

© Sindacato Autonomo di Polizia - Segreteria Regionale Marche

Privacy Policy Cookie Policy

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Navigando questo sito, chiudendo questo banner o cliccando su un link, acconsenti all’utilizzo dei cookies.

Se vuoi saperne di più leggi la Cookie Policy. Accettando l’informativa d’uso in base al Regolamento UE 2016/679 del 27 aprile 2016, noto come GDPR (General Data Protection Regulation), questo banner non ti verrà più mostrato.