Area Comunicati - Ancona

 

POLMARE

 SQUADRA CONTRASTO REATI CONNESSI ALL'IMMIGRAZIONE

 

 La questione della Squadra addetta al contrasto dei reati connessi all'immigrazione sembra la solita lotta fra poveri, alimentata da comportamenti contraddittori dell'amministrazione.

Questo è il chiaro pensiero del SAP, esposto al Dirigente nel corso di un incontro condotto sabato scorso dai Segretari Provinciale e Regionale Sap, Filippo Moschella e Luca Bartolini.

I risultati operativi della squadra sono inconfutabili, tanto che sono stati riconosciuti anche a livello nazionale e internazionale, ma sembrerebbe che per qualche sindacato il gruppo debba essere spezzettato fra le altre Squadre di frontiera e quindi, di fatto, soppresso!

Al riguardo il Dirigente ha dichiarato che è esclusa ogni modifica dell'organizzazione del lavoro. Anche il Direttore dell'8^ Zona, contattato per le vie brevi oggi, è della stessa idea.

Altra questione è l'attività della squadra, che desta molte incomprensioni.

E' chiaro che le attività operative possono protrarsi oltre l'orario di servizio, ma è pacifico che, come prescrive la normativa, sono i Funzionari che devono autorizzare lo straordinario, quindi decidere chi rimane in servizio e chi no, tale autorizzazione non può essere delegata a terzi.

Quindi è esclusivamente un problema di gestione e organizzazione dell'ufficio, che alimenta una lotta senza senso fra settori, che inficia anche lo straordinario della Polaria e di tutti i settori, considerato che il blocco del programmato e i tagli sono diventati quasi una consuetudine.

E' ora che la dirigenza si assuma le responsabilità connesse alla funzione!

 

Ancona, 25 novembre 2013

 

La Segreteria Provinciale SAP

 

 

XIV REPARTO MOBILE


 PARTITA PERUGIA-ASCOLI: TIFOSERIE A CONTATTO SENZA PREAVVISO


REPARTO MOBILE SENIGALLIA CON 6 FERITI E SASSATE CONTRO I PULLMANS

 

Il Reparto Mobile di Senigallia esce massacrato dal servizio di O.P. svoltosi ieri allo stadio di Perugia, in occasione della partita di calcio Perugia-Ascoli. Sono sei i colleghi feriti, per fortuna in maniera non grave.

 

Solo la bravura e la professionalità dei Capisquadra e dei colleghi del Reparto ha permesso di mitigare gli effetti di un servizio di O.P. probabilmente sottodimensionato e scoordinato, tanto che centinaia di facinorosi della tifoseria locale hanno raggiunto indisturbati il parcheggio della tifoseria ospite, attaccando chiunque, compresi gli agenti in divisa. Agenti che hanno cercato, nonostante la nettissima inferiorità numerica, di limitare lo scontro frapponendosi fra le fazioni.

 

La gestione dell'ordine pubblico è certamente complicata, ma le gravi carenze logistiche dei parcheggi dello stadio di Perugia sono evidenti, tanto che, secondo alcuni, sarebbero state state segnalate da tempo, ma nessuno ha fatto niente.

 

Forse qualcuno pensa che i poliziotti del Reparto Mobile sono carne da macello da sacrificare in mancanza delle protezioni per separare le tifoserie?

 

Per noi del Sap è arrivato il momento in cui bisogna dire basta!

 

Occorre che il Dirigente del Reparto Mobile scriva nero su bianco ciò che risulta dalle relazioni dei responsabili delle squadre operative e trasmetta tutto a Perugia, a tutela dei propri uomini.

 

Noi sindacalisti ci assumeremo la nostra parte di responsabilità per risolvere l'annosa problematica. Il Sap di Perugia chiederà subito un incontro con il Prefetto, per promuovere uno specifico Comitato per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica volto a verificare le condizioni per l'installazione di manufatti e impedire il contatto fra le tifoserie, limitando al minimo i rischi per i poliziotti.

 

Dopodichè chi di dovere si assumerà le responsabilità per quanto potrà accadere!

 

Il Sap, il sindacato differente.

 

Ancona, 25 novembre 2013

 

 

Il Segretario Provinciale

Filippo Moschella

 

L’UOVO DI COLOMBO


Per impiegare illegittimamente la Sezione Criminalità Organizzata in O.P. s’inventano l’aggregazione giornaliera !


Oggi, per la prima volta, diversi colleghi della Sezione Criminalità Organizzata della Squadra Mobile stanno espletando un servizio di O.P. fuori sede.


Ieri, noi del Sap, appresa informalmente la notizia dell’imminente impiego, abbiamo avvisato il Vicario e referente per le relazioni sindacali, che, caduto dalle nuvole, ci ha chiesto di contattare chi di dovere.


Il Dirigente della Squadra Mobile, di fronte all’evidenza dei fatti e alla chiarezza della circolare ministeriale del 7 giugno 2006 firmata dal Capo della Polizia De Gennaro, la quale dispone che “… il Dirigente della Sezione Criminalità Organizzata ed il relativo personale non dovranno essere distolti dai loro compiti istituzionali, per essere impiegati in altri servizi”, che cosa fa? S’inventa l’uovo di Colombo: aggregazione giornaliera del personale della Sezione C.O. alla Squadra Mobile e, quindi, contestuale impiego in O.P.!


Un divieto chiaro e perentorio del Capo della Polizia è stato aggirato con “disposizioni creative” formalmente corrette ma sostanzialmente irrispettose, emesse dai vertici della Questura, cioè da quei Funzionari della Repubblica Italiana che sono i custodi delle Leggi dello Stato.


Insomma, in un solo giorno è stata svilita la professionalità dei colleghi della Sezione Criminalità Organizzata, è stato sfiduciato il personale delle altre Sezioni della Squadra Mobile, che svolge continuamente O.P., e sono state stravolte le disposizioni del Capo della Polizia!


Abbiamo chiesto un incontro urgente con il Questore, per sapere se avalla simili comportamenti poco ortodossi, perché stiamo valutando di tutelare i colleghi mediante un ricorso alla magistratura competente, perché siamo stanchi di sentire continue giustificazioni su questioni che ormai sono chiare da anni e anni.


Ancona, 15 novembre 2013

 


IL SEGRETARIO PROVINCIALE

Filippo Moschella

 

Ancona, 09 novembre 2013

 

 

Oggetto: Ordinanze per servizi di O.P. - Mancata citazione personale

                Polstrada.

 

 

AL SIG. QUESTORE                                                                SEDE

 

AL SIG. DIR.TE IL COMPARTIMENTO POLSTRADA MARCHE        SEDE

 

 

^^^^

        Come segnalato da tempo e in più occasioni da questo sindacato, la Questura di Ancona emette ordinanze per servizi di ordine pubblico senza mai citare il personale Polstrada che, in parecchie occasioni, partecipa all'attività di polizia e ha diritto alla relativa indennità.

 

     Questa prassi poco ortodossa ingenera lungaggini burocratiche inaccettabili, perché è necessaria una successiva richiesta di riconoscimento del citato emolumento, quindi si chiede di citare nelle ordinanze di O.P. il personale Polstrada che partecipa ai servizi.

 

In attesa di un sollecito riscontro, si porgono distinti saluti.

 

 

Il Segretario Provinciale

Filippo Moschella

 

 

Ancona, 09 novembre 2013

 

 

Oggetto: Teste Tribunale – Mancata indicazione dell'orario servizio

                e uso  veicoli dell'Amministrazione.

 


AL SIG. DIR.TE IL COMPARTIMENTO POLSTRADA MARCHE       SEDE

 

AL SIG. DIR.TE LA SEZIONE POLSTRADA ANCONA                    SEDE

 


^^^^


        Come già segnalato in più occasioni, il personale che si reca presso i Tribunali in qualità di teste per fatti connessi al servizio, viene indicato nel campo “forza assente” dell'ordine di servizio giornaliero, senza alcuna indicazione circa l'orario di servizio, il tipo di vestiario ecc.


       Detta prassi contrasta con l'art.42 del Regolamento di servizio della Polizia di Stato, di cui al D.P.R. nr. 782 del 28 ottobre 1985, nella parte in cui prevede che  “L'ordine di servizio contiene: cognome e nome e qualifica del personale, tipo del servizio con l'indicazione dell'orario di inizio e termine, tipo di vestiario ed eventuale equipaggiamento ed armamento necessari. Può contenere, inoltre, indicazioni e comunicazioni varie ed eventuali a carattere individuale o generale” .


      La mancata indicazione dell'orario di servizio potrebbe ingenerare contenziosi connessi a eventuali incidenti occorsi in itinere, ovvero per il computo dello straordinario emergente o il rimborso delle spese di vitto.



    Inoltre, l'indicazione del personale sopra citato nel quadro del personale in servizio permetterebbe l'impiego delle autovetture dell'amministrazione per lo spostamento dalla sede di servizio al Tribunale.


     Per quanto esposto, si chiede che per i testi sia indicato l'orario di servizio e che possa essere valutata, caso per caso, la concessione dell'autovettura di servizio.



In attesa di un sollecito riscontro, si porgono distinti saluti.

 


Il Segretario Provinciale
Filippo Moschella

 

 

Ancona, 09 novembre 2013


Oggetto: Servizi di O.P. Fabriano 15 novembre 2013- Somministrazione

                 pasti caldi

 

             AL SIG. QUESTORE                                              SEDE

e, p.c.


AL SIG. DIRI. IL XIV REP. MOBILE DELLA POLIZIA DI STATO

SENIGALLIA

^^^^

       In occasione dei servizi di O.P. che si terranno a Fabriano il 15 p.v., tenuto conto che il personale è stato suddiviso in più turni di servizio e che in loco è assente la mensa di servizio, si chiede, a differenza di quanto accaduto in passato, di organizzare uno specifico servizio per somministrare pasti caldi a tutto il personale.


    La richiesta è motivata anche dalla ferma contrarietà del SAP alle idee proposte da chi persegue l'omologazione al ribasso dei trattamenti di tutte le Forze dell'Ordine partecipanti ai servizi di O.P.


In attesa di un sollecito riscontro, si porgono distinti saluti.

 

 

Il Segretario Provinciale

Filippo Moschella

 

 

REPARTO MOBILE

IL SAP CHIEDE CHIARIMENTI

PER PERMESSO NEGATO

E LA ROTAZIONE EQUA DEI SERVIZI

 

 

Ieri, nel corso dell'incontro fra il Dirigente e i Segretari SAP Provinciale e Regionale, Filippo Moschella e Bartolini Luca, è stata consegnata la nota volta a conoscere le motivazioni che hanno determinato il diniego di un permesso, ex Legge 937, richiesto da un collega per l'11 ottobre, giorno in cui altri operatori hanno fruito di assenze legittime.

 

La richiesta è servita anche per ribadire nuovamente che è necessaria un'equa rotazione dei servizi, che coinvolga anche il personale degli uffici, tenuto conto che, fino a ora, solo alcuni colleghi sono stati impiegati in servizi esterni, mentre altri non escono da anni!

 

Il punto di vista del SAP è semplice: è inutile caricare il Nucleo e solo alcuni volenterosi degli uffici di tutte le incombenze operative, sin dall'inizio del mese, perché in caso di necessità saranno “sofferenti”.

 

Inoltre, l'uscita di tutti i colleghi, permetterebbe di condividere le varie professionalità, utili in caso d'impiego massiccio del Reparto in situazioni d'emergenza.

 

Su questa problematica attendiamo un immediato cambio di tendenza, altrimenti saremo costretti a valutare la possibilità di tutelare, nelle sedi opportune, gli emolumenti dei colleghi che non escono mai; anche di chi, alle sei della mattina, si presenta per salutare i colleghi in partenza per l'O.P. ma non si vede mai in prima linea!

 

Questo è il SAP, il sindacato differente!

 

 

Ancona, 05 novembre 2013

 

 

La Segreteria Provinciale SAP

 

 

 

Ancona, 04 novembre 2013

 

 

Oggetto: Diniego permesso Legge 937/77.

 

 

AL SIG. DIRIGENTE IL XIV REP. MOBILE DELLA POLIZIA DI STATO

SENIGALLIA

 

 

^^^^

        In data 3 ottobre 2013, un dipendente di codesto Reparto Mobile ha richiesto un permesso Legge 937/77, da fruire l’11 ottobre successivo.

 

      Detto permesso è stato negato con la seguente motivazione “non concesso per esigenze di servizio, impiegato in O.P. a Torino”.

 

    Com’è noto, il permesso può essere richiesto dall’interessato in qualsiasi momento e può essere negato dall’amministrazione solo per comprovate esigenze di servizio, che, ovviamente, non devono riguardare esclusivamente il richiedente, ma anche la disponibilità di personale.

 

    Nel caso segnalato, nonostante il permesso sia stato richiesto in tempo, non è stato inserito nella programmazione settimanale dal 7 al 13 ottobre 2013. Inoltre, in data 11 ottobre, diversi colleghi, con la stessa qualifica del richiedente, non avrebbero prestato servizio.

 

   Per quanto esposto, si chiedono quali sono state le necessità d’organico su cui si sia fondato il diniego, con riserva di valutare ulteriori azioni.

 

In attesa di un sollecito riscontro, si porgono distinti saluti.

 

 

 

Il Segretario Provinciale

Filippo Moschella

 

 

   Ancona, 14 ottobre 2013

 

 

Oggetto: Programmazione settimanale.

            - Mancata previsione delle assenze legittime. -


  

 

    AL SIGNOR DIRIGENTE IL XIV REPARTO MOBILE         SENIGALLIA

 

 

    Nella programmazione dei servizi della settimana corrente non sono state incluse le assenze legittime (congedi ordinari, recuperi riposi, permessi studio, permessi legge ecc.) richieste da tempo da parecchi colleghi, per la previsione di un impiego massiccio di personale nel weekend.


  Tenuto conto dell'organico del XIV Reparto Mobile e la normativa vigente, si sarebbero dovute prevedere le assenze fisiologiche e necessarie nella programmazione settimanale, che, eventualmente, si sarebbe potuta modificare con l'ordine di servizio giornaliero.


   Per quanto esposto, si chiede di avvisare tempestivamente il personale che ha richiesto le assenze legittime, circa le determinazioni dell'amministrazione.


In attesa di un sollecito riscontro, si porgono distinti saluti.

 

 

Il Segretario Provinciale
Filippo Moschella

 

 

SQUADRA MOBILE

- RIUNIONE SINDACALE -

 

 

 

LUNEDI’ 16 SETTEMBRE 2013

DALLE ORE 12,00 ALLE ORE 14,00

SALA RIUNIONI (ACCANTO LA DIGOS)

 

 

ORDINE DEL GIORNO:

 

 

RAPPORTI CON L’AMMINISTRAZIONE

ABOLIZIONE ARMONIZZAZIONE PENSIONI

BENEFICI IMU PER POSSESSORI CASA

I RICORSI AL TAR E GLI OBIETTIVI DEL SAP

 

 

 

TUTTO IL PERSONALE E’ INVITATO A PARTECIPARE, CONSIDERATA L’IMPORTANZA DEGLI ARGOMENTI TRATTATI.

 

 

 

La Segreteria Provinciale Sap

SAP - Sindacato Autonomo di Polizia

Segreteria Regionale Marche

Indirizzo: Via Gervasoni 19 c/o Questura - 60129 - Ancona

Tel. e  Fax 07155241

email: marche@sap-nazionale.org

Webmaster

© Sindacato Autonomo di Polizia - Segreteria Regionale Marche

Privacy Policy Cookie Policy

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Navigando questo sito, chiudendo questo banner o cliccando su un link, acconsenti all’utilizzo dei cookies.

Se vuoi saperne di più leggi la Cookie Policy. Accettando l’informativa d’uso in base al Regolamento UE 2016/679 del 27 aprile 2016, noto come GDPR (General Data Protection Regulation), questo banner non ti verrà più mostrato.