Area Comunicati - Ancona

 

POLSTRADA

REPERIBILITA’


Siulp, Siap, Consap & c. tentano di svilire il lavoro degli Uff. di P.G. degli UU.OO.DD.

Unica voce fuori dal coro quella del Sap

Alla fine il Dirigente di Sezione media e ci mette una “pezza”

 

Fin dalla presentazione dei progetti dell’amministrazione per la ripartizione della reperibilità è stato chiaro l'obiettivo della stessa: ripartire i 26 turni mensili per coprire solo i festivi e prefestivi e distribuire il carico di lavoro (progetto 2) fra tutti i sottufficiali della Sezione e dei Distaccamenti.

 

Quello che nessuno si aspettava era la proposta di Siulp, Siap, Consap & C. di dare:

- 5 reperibilità/mese al Funzionario;

- 21 reperibilità/mese nei festivi e prefestivi a rotazione fra tutti gli Ufficiali di P.G. di Sezione e Distaccamenti (Comandanti e tutti gli Ufficiali di P.G. addetti ai servizi non continuativi).

 

Il Sap, unica voce fuori dal cartello, ha proposto una doppia rotazione:

- la prima (16 reperibilità/mese nei festivi e prefestivi) fra tutti gli Ufficiali di P.G. della provincia, per ripartire il carico di lavoro fa tutti i colleghi, diluendo le reperibilità per i pochi sottufficiali della Sezione;

- la seconda (9 reperibilità/mese) solo per i Comandanti e i Vice dei Distaccamenti, per il supporto alle attività operative delle pattuglie, da espletare senza il vincolo dei festivi.

 

LA DIFFERENZA FRA LE DUE POSIZIONI STA TUTTA NELLE REPERIBILITA’ PER I COMANDANTI E GLI UFFICIALI DI P.G. DEI DISTACCAMENTI:

  • per Siulp, Siap, Consap & C.: 21 reperibilità da ripartire (secondo gli umori del Dirigente fino al limite del 5% della forza, ad esempio 4 colleghi il 2 giugno o Ferragosto o Natale), fra i circa 12/13 Ufficiali di P.G. presenti, cioè circa 1,7 reperibilità/mese a testa (in totale circa 20 l’anno),

  • per il Sap 1,3 reperibilità/mese, per tutti, nei festivi e prefestivi (circa 16 l’anno) + 3 reperibilità/mese per i Comandanti o Vice di ogni Distaccamento in altri giorni (in totale circa 52 l’anno).

Dopo ore di estenuante trattativa, per il netto rifiuto del Sap di firmare una contrattazione di reperibilità che fissa solo le reperibilità del Funzionario, lasciando ogni decisione (tranne la rotazione) agli stati d'animo del Dirigente, si è arrivati al seguente accordo:

 

- Nei festivi e prefestivi, rotazione delle reperibilità fra tutti gli Ufficiali di P.G. addetti ai servizi non continuativi di Sezione e UUOODD;

- seconda reperibilità per i Comandanti dei Distaccamenti di sabato e eventualmente di domenica.

 

Ovviamente, a richiesta, due reperibilità potranno essere contigue (sabato e domenica), oppure collegate a turni di congedo ordinario o riposo settimanale. Il personale, una volta chiamato, potrà completare il turno di servizio al termine dell’intervento, senza espletare quello indicato nell’ordine di servizio.

Lasciamo ogni commento sulle tutele sindacali a chi legge.

 

Ancona, 05 maggio 2015

 

La Segreteria Provinciale Sap

 

 

                                                                                                       Ancona, 02 aprile 2015

 

 

 

Oggetto: Orario di servizio presso la Sezione Polizia Stradale di Ancona.

                 Proposta modifica accordo decentrato.

 

 

AL SIGNOR DIRIGENTE IL COMPARTIMENTO POLSTRDA                                   ANCONA

 

ALLA SEGRETERIA GENERALE SAP                                                                  ROMA

 

 

Con riferimento alla nota nr. 3295/110A.7 del 30 marzo 2015, di pari oggetto, con la quale si prospetta la possibilità d’introdurre nuovi orari di servizio, modificando l’accordo decentrato attualmente in vigore, si rileva che sono state prospettate, per il personale addetto ai turni non continuativi, la settimana corta con due rientri ovvero senza rientri, mentre, per il personale addetto ai turni continuativi, il c.d turno in quinta con la possibilità dei c.d. salti notte.

 

L’introduzione dei citati orari non si comprende, nel merito e nel metodo.

 

Circa il metodo, non si capisce perché, nei giorni scorsi, fra i colleghi sono circolate tabelle di turni continuativi della Sezione e dei Distaccamenti, che contemplano suddivisioni del personale in Squadre, mentre al sindacato non è stato fornito nulla.

 

Nel merito, non si comprende perché sia necessaria l’introduzione di nuovi orari di servizio, dato che gli attuali sono stati accolti dall’amministrazione da anni.

 

Inoltre, nella nota, non è specificato chiaramente se le modifiche che l’amministrazione intende apportare ai turni continuativi riguarderanno anche quelli in deroga del C.O.C., che sono connessi con quelli dei pattuglianti della Sezione di Ancona i quali espletano, mediamente, più turni notturni rispetto a quelli effettuati dai colleghi delle UU.OO.DD.

 

Per quanto esposto, prima di valutare la proposta d’introduzione di nuovi orari di servizio, si chiede d’interrompere immediatamente “trattative singole” senza alcuna validità con i dipendenti, posto che eventuali modifiche potranno essere attuate solo con l’accordo dei sindacati che rappresentano il 50%+1 del personale.

 

In attesa di un sollecito riscontro, si porgono distinti saluti.

 

 

Il Segretario Provinciale

Filippo Moschella

 

 

P O L F E R


NUOVI TURNI, FRA FACILE DEMAGOGIA

E

PROGETTO INDEFINITO

 

 

-10 marzo 2015: il siulp propone l'eliminazione del turno notturno del Settore Operativo di Ancona e del Posto Polfer di Falconara, “in considerazione del fatto che la turnazione attuale è divenuta ormai troppo gravosa per l’esiguo numero di operatori”, e l’introduzione del turno 8/14 e 14/20 per gli Ufficiali di P.G. turnisti.

 

- 13 marzo 2015: il Sap, per far emergere la vera posizione dell’amministrazione, chiede al Dirigente di convocare immediatamente una riunione per l'introduzione degli orari, poiché si tratta di orari in deroga rispetto al turno “in quinta”, da concordare con la maggioranza sindacale (ricordiamo che il Sap rappresenta oltre il 35% del personale).

 

- 15 marzo 2015: l'ugl (5%) scrive che proporrà “una nuova turnazione che preveda il salto notte … che permetterebbe di risolvere anche il problema per la sicurezza degli operatori del Settore”.

 

Nel corso della riunione si comprende chiaramente il fine del siulp: non si parla quasi per niente degli orari degli Ufficiali di P.G. (subito accolti da quasi tutti) e del Settore Operativo (che continuerà a fare il turno in quinta regolare), per l’immediata chiusura dell’amministrazione, mentre si discute quasi all'infinito degli orari di Fabriano e Falconara. Alla fine Siulp, Coisp, Consap e Siap (ricordate bene queste sigle), senza nessuna battaglia sui turni del Settore, accettano la turnazione senza notti a Falconara (con il riposo dopo la mattina), mentre Fabriano farà un turno “in quinta” regolare con un turno Jolly (mattina o notte al posto del turno notturno), fino al 30 giugno 2015.

 

Il Sap chiede che i due Posti Polfer, per equità di trattamento, osservino lo stesso orario atipico.

L’amministrazione si riserva di decidere cosa fare, ma poi, inaspettatamente, il 26 marzo partorisce l’informazione preventiva, senza che i nuovi orari in deroga siano stati votati formalmente dai sindacati. Quindi il Sap chiede l’esame congiunto, tenutosi ieri pomeriggio, nel corso del quale si ammette che deve essere espletata una votazione, ma non viene data alcuna risposta accettabile alla domanda più importante, riportata sul verbale nella nostra dichiarazione:

 

- sono stati tolti dai turni continuativi gli Ufficiali di P.G.,

- sono stati tolti dai turni continuativi i colleghi di Falconara, che seguiranno un turno a parte,

- sono stati tolti dai turni continuativi i colleghi di Fabriano, che faranno un turno Jolly,

- i colleghi dei turni non continuativi del Compartimento possono fare i turni in quinta “solo per particolari e improrogabili esigenze di servizio” (art.9, comma 6, dell'ANQ),

 

CHI SOSTITUIRA’ I TURNISTI DEL SETTORE OPERATIVO?

Insomma, si sono create quatto categorie di colleghi: Serie A (chi non fa mai le notti, né il turno in quinta), Serie B (chi fa le notti ogni tanto, se capita, come jolly), Serie C-Compartimento (chi fa le notti senza alcuna regola, in balìa degli umori/esigenze dell’amministrazione) e, infine, Serie ZERO del Settore, costretti a fare i turni in quinta regolari, senza alcun aiuto sancito da accordi sindacali !


Unica certezza, in merito “all’impiego del personale del Compartimento presso il Settore Operativo” è che “l’amministrazione s’impegna a monitorare il fenomeno...” (ma i dati delle sostituzioni non sono già in possesso dell’ufficio servizi?). Nessun impegno formale, invece, sui tre colleghi che dovrebbero essere presenti, in ogni turno, al Settore Operativo, per l'autotutela.

 

Ecco perché il Sap non ha firmato l’accordo sui turni in deroga, un accordo dai contorni indefiniti e iniquo, probabilmente, per alcune categorie di colleghi, preferendo attendere i dati del monitoraggio.

 

Medita collega, medita...

 

Ancona, 31 marzo 2015

 

La Segreteria Provinciale Sap

 

 

 

                                                                     Ancona, 13 marzo 2015

 

 

Oggetto: Settore Operativo e Posti Polfer Falconara e

               Fabriano.

               

                    – Orario di servizio e organizzazione.

 

 

 

AL SIGNOR DIRIGENTE IL COMPARTIMENTO POLFER             S E D E

 

 

 

Si è appreso che la S.V. sta valutando l’eliminazione del turno notturno 0/7 dall’orario di servizio continuativo espletato dal Settore Operativo di Ancona C.le e dal Posto Polfer di Falconara.

 

Il Sap ha proposto tale innovazione da anni, perché l’amministrazione, a differenza del passato, non riesce più a garantire il numero minimo di TRE operatori in tutti i turni continuativi.

 

Pur non comprendendo perché dalle valutazioni della S.V. è stato escluso il Posto Polfer di Fabriano, chiediamo l’immediata convocazione di una riunione per l’introduzione del nuovo orario, dato che, trattandosi di un orario in deroga, non può essere introdotto autonomamente dall’amministrazione, ma deve essere contrattato con le organizzazioni sindacali che rappresentano il 50%+1 del personale, come prevede l’A.N.Q.

 

Si fa presente, fin d’ora, che il Sap, nell’ambito della nuova organizzazione, chiederà all’amministrazione, come sempre, la presenza di tre operatori in ogni turno, per la necessaria autotutela.

 

In attesa di un sollecito riscontro, si porgono distinti saluti.

 

 

Il Segretario Provinciale

Filippo Moschella

 

                                                                                             Ancona, 19 febbraio 2015

 

 

Oggetto: Passaggio di migranti presso l’Ufficio Polizia Frontiera e Squadra Nautica.

               - Intervento di tutela sanitaria.

 

 

 

AL SIGNOR QUESTORE                                                                         SEDE

 

            AL SIGNOR DIRIGENTE L’UFFICIO POLIZIA DI FRONTIERA                 SEDE

 

 

 

^^^^^

Si è appreso che nel pomeriggio odierno dovrebbero giungere ad Ancona diverse decine di migranti, provenienti direttamente dalla Sicilia, che, a differenza del passato, dovrebbero essere sottoposti a visita medica e fotosegnalamento negli Uffici della Polizia di Frontiera e della Squadra Nautica della Questura.

 

Per quanto esposto, qualora non già provveduto, si chiede di far intervenire, dopo le operazioni di prassi, il personale dell’Ufficio Sanitario della Questura, per far disinfettare i locali utilizzati, prima di ripristinare la normale attività istituzionale.

 

In attesa di un sollecito riscontro, si porgono distinti saluti.

 

 

 

Il Segretario Provinciale

Filippo Moschella

 

OSIMO:COMMISSARIATO DI PUBBLICA INSICUREZZA?

 

 

 

Abbiamo lottato, contro tutti, per salvare dalla chiusura il Commissariato di Pubblica Sicurezza di Osimo, con l’aiuto del Questore, nonostante molti avessero già buttato la spugna.

Chiediamo, da anni, in solitaria, la reperibilità per il personale, abbiamo sollecitato il Comune per la cessione della nuova sede, anche alla presenza del Sottosegretario Bocci, e abbiamo convinto il Sindaco di Osimo ad attuare i protocolli operativi stabiliti dal Dipartimento della P.S. per la collaborazione notturna Forze dell'Ordine - Polizie Municipali

 

 

In poche parole, siamo stati gli unici a credere fino in fondo nel Commissariato di Osimo, ma adesso occorre creare le condizioni per far lavorare serenamente il personale.

 

 

Il mese scorso, a seguito della riorganizzazione, abbiamo chiesto all’amministrazione cose semplici e precise: chi deve prendere le denunce, la separazione dei compiti fra i dipendenti dei vari settori, anche con riferimento al personale tecnico, l’attenzione per le istanze dei dipendenti, soprattutto di quelli addetti ai turni continuativi, perché sulla carta sono in servizio 20 unità (quattro per turno), ma, di fatto, sono presenti solo 18 colleghi, uno dei quali impiegato anche come istruttore di tiro.

 

 

L'amministrazione, al posto del dialogo con il personale, ha scelto la strada dell'approccio burocratico-notarile, assegnando d'autorità TUTTI i recuperi riposo festivi ai turnisti (unico caso in provincia), negando i recuperi riposo ma concedendo, per il medesimo giorno, i c.d. permessi legge, negando ferie e aggregando costantemente il personale degli uffici, già esiguo, nei turni di Volante, nonostante l'art. 9 comma 6 dell’ANQ preveda tale impiego solo per “particolari e improrogabili esigenze di servizio”, fra cui non rientra certamente la carenza d’organico.

 

 

Tutto ciò accade nei mesi di gennaio e febbraio, con tutto il personale in servizio. Che cosa succederà a Pasqua o in estate?

 

 

Non solo, si è assistito a un aumento esponenziale di aggregazioni e trasferimenti di personale, alla scomparsa totale del servizio di Polizia di Quartiere, al crollo delle adesioni allo straordinario programmato dei turnisti, all'amministrativa prima depotenziata e poi potenziata temporaneamente, a un collega che totalizzato 5 incarichi personali in 5 settori diversi, in barba alla circolare ministeriale che prevede la “continuità” e “l'esclusività” dell'assegnazione nell’UCT.

 

 

Tutto ciò porterà a una reale sicurezza per i cittadini o a una pubblica insicurezza?

 

 

Teniamo a precisare, inoltre, che tutte le scelte attuate sono legittime (tranne, per noi, quella degli incarichi...), ma ricordiamo che lo stillicidio di comportamenti legittimi è alla base dello sciopero bianco!

 

 

Insomma, chiediamo che l’amministrazione faccia le proprie scelte in piena autonomia, ponendo maggiore attenzione al contemperamento degli interessi istituzionali con quelli del personale, che ha doveri e diritti, fra cui quello di lavorare sereno e con compiti precisi.

 

Ancona, 19 febbraio 2015

 

La Segreteria Provinciale Sap

 

 

XIV REPARTO MOBILE

Incontro SAP – Dirigente:

oltre la stabilizzazione degli aggregati, si muove qualcosa?

 

 

 

Da mesi il Sap fa richieste all'amministrazione, anche per ciò che riguarda le domeniche rosse per i colleghi del settore amministrativo, la stabilizzazione degli aggregati “di lungo corso” e l'applicazione di tutti gli orari di servizio previsti.

 

Dall'incontro con il dirigente, tranne la stabilizzazione degli aggregati, che avverrà totalmente e a breve (ennesima battaglia solitaria del Sap per l'equità...), sono emerse solo posizioni generiche e vaghe, che dicono tutto e il contrario di tutto.

 

Sinceramente siamo un po' stanchi di sentire tante parole e ci piacerebbe che, ogni tanto, l'amministrazione faccia qualche fatto.

 

Se il personale degli uffici viene impiegato come quello del Nucleo, ha diritto alle due domeniche rosse come tutti.

 

Se in molti si lamentano delle rotazioni dei servizi, occorre che l'amministrazione detti alcune regole chiare, dopo averle condivise con i sindacati.

 

Adesso il tempo dell'attesa è finito, occorre rimboccarsi le maniche e fare.

 

Sap, il sindacato differente.

 

 

Ancona, 10 febbraio 2015                                   

 

 

                                                       La Segreteria Provinciale Sap

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

Ieri pomeriggio, al Comune di Osimo, il Sindacato Autonomo di Polizia, il maggior sindacato autonomo del settore, ha incontrato il Sindaco Simone Pugnaloni e gli Assessori Federica Gatto e Michela Glorio, competenti per i settori sicurezza e attività produttive.

 

Il confronto è servito per fare il punto della situazione sulla nuova sede del Commissariato, che in Comune di Osimo ha messo a disposizione anche per mantenere pienamente operativo il presidio di polizia, essenziale per mantenere entro limiti fisiologici le criticità dell'ordine pubblico e della sicurezza di tutti i cittadini.

 

Attualmente la disponibilità è stata segnalata dalla Questura di Ancona al Ministero dell'Interno, quindi si attendono le valutazioni centrali. Questa circostanza, unitamente alla richiesta di potenziamento dell’organico, verrà esposta al Sottosegretario al Ministero dell'Interno Giampiero Bocci, che, insieme al Sindaco Simone Pugnaloni, riceverà il Sap alle 15.00 di venerdì 13 febbraio presso il Comune di Osimo.

 

L'incontro di ieri è servito al Segretario Provinciale, Filippo Moschella, e al suo vice Marco Mosca, per proporre a Pugnaloni una nuova collaborazione fra Polizie Municipali e Forze dell'ordine statali.

 

Il sindacato, così come rappresentato in altre sedi, ha proposto l'applicazione di alcune circolari del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, che prevedono la costituzione di consorzi intercomunali per garantire la presenza di una pattuglia della Polizia Municipale nelle fasce serali e notturne, esclusivamente nel campo dell’infortunistica stradale e della viabilità, al fine di far concentrare Polizia, Carabinieri e Finanza sul controllo del territorio e il contrasto dei reati.

 

A tal fine è stato proposto al Sindaco Pugnaloni di farsi promotore dell'iniziativa come comune capofila, per la costituzione di un consorzio fra tutti i comuni della Val Musone.

 

Il Sindaco e gli assessori hanno accolto con interesse la proposta, tanto che studieranno la fattibilità del progetto.

 

 

Ancona, 10 febbraio 2015

 

 

Il Segretario Provinciale

Filippo Moschella

 

 

 

COMMISSARIATO JESI

Proficuo confronto Sap - Dirigente

 

 

Proficuo l’incontro fra il Sap e il Dirigente del Commissariato P.S. di Jesi, svoltosi nei giorni scorsi, dietro richiesta al Questore.

 

Il Sap ha accolto positivamente la notizia del termine dei lavori per la nuova caserma, che dovrà essere consegnata nelle prossime settimane e, come apparso anche sui quotidiani, la notizia sulla costruzione degli spogliatoi al secondo piano, come auspicato con forza nelle riunioni formali.

 

Riguardo ai servizi particolari, anche fuori sede, è stato chiesto di redigere un elenco di volontari, al fine di permettere un’equa ripartizione degli emolumenti.

 

Per lo straordinario emergente, invece, è stata chiesta un’oculata gestione delle autorizzazioni, per evitare sperequazioni fra il personale addetto ai vari settori.

 

In merito ai carichi di lavoro, è stata chiesta un’equa ripartizione dei compiti fra il personale addetto ai servizi non continuativi.

 

Il Dirigente ha accolto con interesse le segnalazioni sindacali del Sap, mostrandosi disponibile ad apportare le modifiche ritenute opportune.

 

Adesso attendiamo, come sempre, i fatti.

 

Sap, il sindacato differente!

 

 

Ancona, 23 gennaio 2015

 

La Segreteria Provinciale Sap

 

 

 

COMMISSARIATO DI OSIMO

CONFRONTO CON IL DIRIGENTE

 

 

Si è svolto, dietro richiesta al Questore, un proficuo confronto con il Dirigente del Commissariato P.S. di Osimo, a seguito della riorganizzazione dell'U.C.T. e delle assegnazioni interne di personale.


In particolare, è stato chiesto al Dirigente di stabilire, per evitare malintesi, chi deve assumere le denunce nell'arco delle 24 ore, curando anche la separazione dei compiti fra dipendenti dei vari settori.


Per i colleghi assegnati ai turni continuativi, a seguito del riassetto, si è auspicato che l'Amministrazione, come in passato, valuti eventuali richieste di cambio dei turni, al fine di favorire le affinità lavorative e le necessità personali.


Inoltre, sempre per i turni in quinta, considerata l'assenza per lungo tempo di diversi dipendenti, si è rappresentato sia che garantire la Volante non significa negare costantemente le istanze del personale, sia che la sostituzione dei turnisti, da parte dei colleghi addetti ai turni non continuativi, è da considerarsi, come previsto dall'A.N.Q. , una misura eccezionale.

 

Il punto di vista del Sap è molto semplice: devono esserci almeno venti dipendenti addetti ai turni continuativi per garantire la presenza delle Volanti. Sotto questo limite è inutile qualsiasi “accanimento operativo”.


Infine, è stata chiesta l'applicazione della normativa e delle disposizioni, impartite anche dal Questore, inerenti l'impiego del personale tecnico.


Adesso attendiamo fatti concreti.

 

 

Ancona, 16 gennaio 2014

 

 

La Segreteria Provinciale Sap

 

 

 

 

Senigallia, 17 gennaio 2015

 

 

Oggetto: Riunione sindacale Sap del 13 gennaio 2015 - Problematiche.

 


AL SIGNOR DIRIGENTE IL XIV REPARTO MOBILE                                           SENIGALLIA

 

Il giorno 13.01.2015, presso l’aula Magna del XIV Reparto Mobile, si è tenuta l’assemblea sindacale del S.A.P., nel coso della quale sono stati trattati i seguenti argomenti:

 

  • Rotazione sottufficiali negli impieghi di O.P.: i Sovrintendenti hanno chiesto un’equa ripartizione dei servizi di O.P. con i colleghi del ruolo degli Ispettori, sia in termini di qualità del servizio che in termini economici.

In merito agli impieghi del personale, si rappresenta nuovamente che il Sap ha, da mesi, presentato richiesta per avere informazioni sui criteri d'impiego, ma l'amministrazione non ha mai risposto. Quindi si sollecita nuovamente la direzione a fornire una risposta scritta.


  • Orari apertura O.P.: onde evitare inutili e pericolose “corse autostradali” i presenti chiedono all’Amministrazione di considerare, oltre alla distanza chilometrica, anche altre variabili di viaggio, quali ad es.: le condizioni climatiche, le giornate di traffico intenso, ecc.. Inoltre è auspicabile una valutazione diversa nell’attribuire le aperture dei servizi, soprattutto nelle grandi città come Roma, Napoli, ecc.

  • Impiego del personale del settore amministrativo del Reparto e domeniche rosse: su proposta degli interessati, si chiede di introdurre una programmazione riguardante le domeniche di riposo simile a quella applicata al Nucleo con le c.d. “domeniche rosse” (cioè strutturata mensilmente in due domeniche lavorative e due di riposo). Inoltre, si chiede che l'amministrazione rispetti i criteri d'impiego del personale degli uffici anche nei giorni festivi, come da accordo decentrato (30% della squadra).

  • Aggiornamento professionale: i presenti hanno concordato nel richiedere che tutto il personale impiegabile in O.P., di ogni ordine e grado, deve partecipare, senza eccezione alcuna, all’aggiornamento professionale del servizio operativo (movimenti di squadra sul piazzale). Ciò si reputa necessario per la tutela fisica di tutti i colleghi e per la buona riuscita dei servizi.

  • Rientro dai servizi di O.P. dopo le 11 ore: si ribadisce che tale valutazione debba necessariamente essere presa da un Funzionario, il quale dovrà accertarsi della disponibilità di tutti gli autisti al rientro.

  • Corpo di Guardia: il Sap ritiene che non siano necessari interventi di alcun genere o modifiche delle turnazioni.

  • Mense di servizio in O.P.: i presenti richiedono una maggior sensibilizzazione, da parte della Direzione, sui Capo Contingente / Capo Squadra, affinché segnalino nella relazione di servizio le problematiche riguardanti le mense.

Sugli argomenti esposti si chiede un urgente riscontro scritto.


Cordiali saluti.

 

                                                La Segreteria di Sezione Sap

SAP - Sindacato Autonomo di Polizia

Segreteria Regionale Marche

Indirizzo: Via Gervasoni 19 c/o Questura - 60129 - Ancona

Tel. e  Fax 07155241

email: marche@sap-nazionale.org

Webmaster

© Sindacato Autonomo di Polizia - Segreteria Regionale Marche

Privacy Policy Cookie Policy

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Navigando questo sito, chiudendo questo banner o cliccando su un link, acconsenti all’utilizzo dei cookies.

Se vuoi saperne di più leggi la Cookie Policy. Accettando l’informativa d’uso in base al Regolamento UE 2016/679 del 27 aprile 2016, noto come GDPR (General Data Protection Regulation), questo banner non ti verrà più mostrato.